Curiosità Regole e curiosità

Cosmetici senza glutine: si o no? Cosa fare?

STIMA TEMPO DI LETTURA: 3 min

Cosmetici senza glutine: si o no? Cosa fare?

Siamo tornati con un nuovo articolo. Questa volta vi parliamo di cosmesi. Quanti di noi celiache si sono sempre chieste o hanno avuto il dilemma “Ma i cosmetici sono senza glutine?”, “posso comprali?”. Oggi vogliamo sciogliere il dubbio!

[su_button url="https://www.youtube.com/channel/UCjjqa5Znos6eDaZ8TxO1pcA" target="blank" style="flat" background="#f01118" color="#ffffff" size="10" wide="yes" center="yes" radius="10" icon="icon: youtube-square"]Iscriviti al nostro canale Youtube[/su_button]

COSMETICI SENZA GLUTINE

Mi sono, quindi, adoperata e fatto tante ricerche. Io in primis ero sempre restia ad un correttore o ad un ombretto ma erano tutte preoccupazioni dovute alla disinformazione. Andiamo, però, con ordine.

cosmetici senza glutine

Cosa dice l’AIC

In questi giorni ho voluto non solo ricercare articoli dell’Aic  ma ho avuto modo di parlare anche con una persona che fa parte del mondo farmaceutico.

Attenzione: questo articolo è basato su ricerche e su informazioni date da persone serie che lavorano nel settore. Voi, però, per qualsiasi cosa chiedete al vostro medico di fiducia o dermatologo.

Partiamo dalla risposta più importante che proviene direttamente dall’Associazione Italiana Celiachia che dice:

Tutti i detergenti (inclusi i dentifrici, i collutori e le paste per dentiera), i cosmetici (inclusi rossetto e burro di cacao) e i prodotti per uso esterno non comportano rischi per il celiaco e possono essere utilizzati in tranquillità in quanto il glutine è tossico solo se ingerito, anche per chi soffre di dermatite erpetiforme (…).

Quindi anche per cosmetici e detergenti vale il fatto che diciture specifiche non sono affatto necessarie e nel caso non siano presenti non costituiscono un rischio per il celiaco. Analogamente né AIC né altre associazioni estere rilasciano il marchio Spiga Barrata a questa tipologia di prodotti, essendo pensato il marchio solo per alimenti confezionati”.

Vedi anche: Recensione grissini Laboratorio Graziosi

Spiga si o no?

Arriviamo, quindi, all’informazione che ci interessa di più. Secondo l’AIC (come su riportato) i cosmetici non hanno bisogno né di spiga sbarrata né della comune scritta “senza glutine” ma non è finita qui.

La stessa Associazione continua dicendo che “È dunque sempre utile segnalare ad AIC (segreteria@celiachia.it) la presenza del marchio Spiga Barrata sui prodotti per la cosmesi e la detersione, in modo che possa procedere verificando l’eventuale abuso con l’azienda coinvolta e richiedendo la rimozione del logo da confezioni e materiale illustrativo/promozionale”.

Link qui: https://www.celiachia.it/faq/4-le-persone-celiache-possono-usare-cosmetici-e-detergenti-che-contengono-glutine-o-il-contatto-di-questi-con-la-pelle-puo-risultare-dannoso/

Il logo quindi non deve esserci! I prodotti di cosmesi sono senza glutine e non hanno bisogno di dicitura ma, addirittura, riportare l’eventuale abuso.

La “nostra” esperta

Tocca ora alla “nostra” esperta, Myriam che ha lavorato nel settore farmaceutico. Alla mia domanda sulla presenza di glutine nei prodotti di cosmesi mi ha risposto “Su questi prodotti la scritta non deve esserci e nel caso in cui fosse presente, è un’informazione non corretta e bisogna segnalarla all’ente  preposto al controllo”.

Aggiunge, infine, che “se una persona ha una reazione allergica ad un prodotto, ciò non è dovuto alla presenza di glutine ma a qualche componente a cui il solo soggetto è sensibile o allergico“.

Speriamo che questo articolo vi sia stato di aiuto! Se avete domande o volete condividere la vostra opinione potete contattarci! Vi aspettiamo!

ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Lascia un commento

* usando questo form aderisci all'archiviazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza. Puoi modificare quando vuoi le tue preferenze. Accetto Leggi di più